The Amazing Spider-Man

SCHEDA DEL FILM

The Amazing Spider-Man

di Marc Webb

La saga dell'Uomo Ragno riparte dalle origini per la regia di Marc Webb (500 Giorni Insieme). Senza la poesia e la convinzione di…

TRACKLIST

01 Main Title / Young Peter
02 Becoming Spider-Man
03 Playing Basketball
04 Hunting For Information
05 The Briefcase
06 The Spider Room / Rumble In The Subway
07 Secrets
08 The Equation
09 The Ganali Device
10 Ben's Death
11 Metamorphosis
12 Rooftop Kiss
13 The Bridge
14 Peter's Suspicions
15 Making a Silk Trap
16 Lizard At School!
17 Saving New York
18 Oscorp Tower
19 "I Can't See You Anymore"
20 Promises / Spider-Man End Titles

James Horner

The Amazing Spider-Man

(Sony Classical) 2012

strumentale

di Alex Poltronieri

Marc Webb è il regista di numerosi, celebri, videoclip musicali, nonché del cult generazionale "(500) giorni insieme", che faceva della colonna sonora a base di noti brani pop di Smiths, Black Lips, Simon & Garfunkel e Feist (per citarne alcuni) uno dei suoi punti di forza. Inevitabile quindi che anche la "sua" versione teen del supereroe Marvel Spider-Man fosse rimpinguata con diversi brani rock: dagli Shins dell'ultimo lavoro "Port of Morrow", con l'allegro power pop di "No Way Down", ai Phantom Planet in salsa garage rock di "Big Brat" (la divertente sequenza in cui Peter è alla toilette e non riesce a controllare i suoi poteri) sino ai Coldplay con "Til Kingdom Come" (bonus track da "X&Y" del 2005) che commentano uno dei momenti più sinceri del film, quando un esaltato Peter riesce ad ottenere un appuntamento dall'amata Gwen Stacy.

La parte del leone nel film di Marc Webb la fa però il compositore premio Oscar (per "Titanic") James Horner, che succede a Danny Elfman, nell'occuparsi delle musiche originali della saga ragnesca. Prendere il posto di Danny Elfman (probabilmente il più grande e originale compositore di colonne sonore dell'ultimo ventennio) non è impresa da poco, tanto più che per i film di Sam Raimi, il musicista aveva creato uno dei suoi lavori più intricati, barocchi e memorabili. Nonostante ciò Horner ne esce a testa alta, e confeziona un lavoro abbastanza diverso sia da quello di Elfman (la cui influenza è però innegabile nell'epicità del main theme o in altri momenti come "Becoming Spider-Man" e "Saving New York"), sia dai suoi progetti precedenti (ed è facile incappare nella maniera quando si ha all'attivo le celeberrime musiche di film come "Braveheart", "Apollo 13" e un altro centinaio di pellicole). Horner, in linea con gli intenti di questo reboot, si concentra più sul lato sentimentale e umano della vita del giovane Peter Parker più che sull'azione e la spettacolarità: confeziona così un love theme ad hoc al pianoforte, richiamato in momenti come "Rooftop Kiss" e "I Can't See You Anymore", si tuffa in parentesi leggiadre e giocose come in "Playing Basketball", in cui si avvertono echi del John Williams più melodico, inserisce cori tribali (nello stile di "Apocalypto") e inquietanti synth per sottolineare l'incontrollabilità del mostruoso villain Lizard ("The Equation", "Ben's Death", "The Spider Room").

Altrove, quando deve commentare le sequenze più epiche, Horner da sfoggio di tutta la sua esperienza nell'ambito dei blockbuster: in brani come "Metamorphosis", "Promises - Spider-Man End Titles", "Oscorp Tower" e "The Bridge" pare di tornare a volare nei cieli della Pandora di "Avatar". Ecco, pur non raggiungendo i livelli di eccellenza della soundtrack di Elfman per la trilogia di Raimi, la colonna sonora firmata James Horner è un lavoro onesto che riesce a bilanciare l'anima sentimentale e quella action della pellicola di Webb senza che l'una sopraffagga l'altra. E viste le aspettative bassissime, non ci si può lamentare.