CAST & CREDITS

cast:
Charlize Theron, Nicholas Hoult, Christina Hendricks, Chloe Grace Moretz, Tye Sheridan

regia:
Gilles Paquet-Brenner

distribuzione:
M2 Pictures

durata:
113'

sceneggiatura:
Gilles Paquet-Brenner

fotografia:
Barry Ackroyd

scenografie:
Laurence Bennett

montaggio:
Douglas Crise, Billy Fox

costumi:
April Napier

musiche:
BT, Gregory Tripi

Dark Places - Nei luoghi oscuri | Recensione | Ondacinema

Dark Places - Nei luoghi oscuri

di Gilles Paquet-Brenner

Drammatico, Usa (2015)

di Paolo D'Alessandro

Voto: 6.0

L'abito fa il monaco. O forse è l'esperienza a fare monaci migliori - e quindi abiti. Dopo "L'Amore Bugiardo - Gone Girl", un altro romanzo della giornalista, scrittice e sceneggiatrice Gillian Flynn si "transustanzia" sul grande schermo: è il turno di "Dark Places - I luoghi oscuri", secondo libro e predecessore del best seller da cui Fincher ha tratto uno dei migliori film della passata stagione.

25 anni prima: Libby Day è l'unica sopravvissuta del brutale assassinio della madre e della sorelle ad opera - si crede - del giovane fratello Ben, "pecora nera" trascinata da compagnie discutibili agli orrori del Satanismo. Presente: Libby Day (Charlize Theron) è una squattrinata parassita di se stessa. Passata la fama sui media e il pietismo dei donatori anonimi, si trova a dover affrontare finalmente il mondo reale e a guadagnarsi il pane. Fortunatamente incontra Lyle, leader di un club di (morbosi) appassionati di serial killer e omicidi irrisolti, che sta studiando il suo caso ed è disposto a pagarla per il suo contributo: disperata per la sua situazione economica, Libby accetta di rimettere in discussione tutto quello che sapeva sulla fatidica notte del massacro, e della ragnatela di bugie in cui ha vissuto per tutta la sua vita. Si troverà costretta ad affrontare uno ad uno i protagonisti del suo passato, fino a scoprire la verità sulla madre, il fratello e la realtà su quanto accaduto la notte della strage.

Il film si muove tra presente e passato senza tregua, assimilando e mescolando le due linee temporali quasi fossero contemporanee. In  questa fanghiglia di ricordi e realtà galleggia Charlize Theron/Libby Day, il motore immobile del film, di misura il suo maggior pregio: una buona prova per l'attrice si trasforma in uno slancio incredibile per un personaggio che cerca finalmente di riappropriarsi di se stessa e della propria storia, una rivendicazione a lungo attesa di ciò che la madre ha sacrificato e l'intreccio di bugie a cui si è venduta le hanno strappato. Immobile, perchè vittima di un intreccio spesso zoppicante, di frequente vago.

Sì, il tuffo nei posti oscuri del passato e dell'anima dei protagonisti è incatramato da una visione ruvida e scura, in cui non c'è alternativa all'essere fantasmi: "Dark Places" descrive al contempo un'assoluzione e una condanna alla non esistenza per tutti i personaggi. Ma questo non comporta necessariamente una chiara o definibile visione d'opera, ma anzi un susseguirsi di acrobazie caratteriali e di plot che lascia indifferenti nonostante si intraveda un buon materiale di fondo.
Libro o film, dov'è il vizio di fondo (e di forma)? Difficile dirlo, ma l'amaro in bocca rimane.