CAST & CREDITS

cast:
Lorenzo Balducci, Tobias Moretti, Elena Cucci, Lino Guanciale, Ennio Fantastichini

regia:
Carlos Saura

distribuzione:
Lucky Red

durata:
127'

produzione:
Edelweiss Cinematografica

sceneggiatura:
Carlos Saura, Raffaello Uboldi, Alessandro Vallini

fotografia:
Vittorio Storaro

montaggio:
Julia Juaniz

costumi:
Birgit Hutter

musiche:
Nicola Tescari

Io, Don Giovanni | Recensione | Ondacinema

Io, Don Giovanni

di Carlos Saura

drammatico, storico, musicale, Italia/Spagna (2009)

di Claudio Zito

Voto: 7.0
Il giovane poeta Lorenzo Da Ponte (Lorenzo Balducci), ebreo convertito a prete cattolico, massone e libertino, è condannato a quindici anni di esilio da Venezia. Raccomandato da Casanova, si reca a Vienna, dove diventa librettista di un "Wolfi" Mozart (Lino Guanciale, debitore dell'"Amadeus" di Hulce/Forman) desideroso di comporre qualche opera in italiano. Dopo il successo de "Le nozze di Figaro", lo scrittore si accinge a realizzare un ennesima edizione del "Don Giovanni", inserendovi molteplici riferimenti autobiografici.

Il vecchio Saura è consapevole che per rappresentare un ambiente altolocato di un epoca remota e imperiale un certo classicismo di fondo è indispensabile. Tuttavia, è in grado aggirare gli ostacoli della recitazione balbettante e tendente all'accademia dei suoi attori (con le loro facce troppo da copertina) e il convenzionale espediente del campo/controcampo dei dialoghi, inevitabilmente letterari, trascendendo tali aspetti e sorprendendo lo spettatore con uno stile moderno e frizzante, inaspettatamente efficace, specie nell'incipit veneziano, malgrado l'abuso di primi piani e di dissolvenze incrociate.

Davvero notevole si rivela la composizione cromatica imbastita dal fuoriclasse Storaro, mentre precisi e puntuali appaiono i movimenti di macchina, volti a cogliere con versatilità tensioni (è il caso della lenta carrellata all'indietro che accompagna in maniera inquietante l'inquisitore che, passeggiando a fianco di Lorenzo, lo minaccia velatamente), piuttosto che sfumature psicologiche (l'agilità, la precisione, la rapidità con cui viene sottolineato il fermento sentimentale del protagonista e delle sue amate). Ma azzeccatissimo è soprattutto l'uso della sovrimpressione come montaggio interno dei vari piani del (non sempre fluido)(meta-)racconto: la vita reale di Da Ponte, la vicenda narrata dall'opera (che ne è, appunto, una proiezione), la messa in scena e in musica della stessa.

L'ampio spazio generosamente concesso ai brani del dramma giocoso mozartiano, che subentrano gradualmente all'extradiegetica "Estate" di Vivaldi, fa di "Io, Don Giovanni" un appuntamento imprescindibile per tutti i melomani, ponendolo quasi agli antipodi rispetto al "Puccini" di Benvenuti. Peccato che rischi di subirne la medesima sorte: essere consegnato all'oblio da una distribuzione del tutto inadeguata.