Ondacinema

5.5/10
Nel turbine di una commedia scattante, triviale e più politicamente corretta di quanto non faccia credere (siamo nella Spagna di Zapatero), incontriamo Maxi, uno chef ambizioso e più creativo del film di cui è protagonista, padre di due figli che ha già scoperto da tempo di essere omosessuale e che per il suo ristorante punta decisamente alla stella sulla guida Michelin, un po' per orgoglio professionale, un po' perché attanagliato da esigenze economiche. A ingarbugliargli l'esistenza ci pensano la prole, la maitre Alex e il bel calciatore della porta accanto Horacio.

Javier Cámara aveva un ruolo di primo piano anche in "Parla con lei"; ciononostante il paragone con il cinema di Almodóvar, proposto ripetutamente dalla critica, anche in relazione all'orientamento sessuale dei personaggi, è improponibile, essendo "Fuori menù" un lavoro privo della profondità e dell'eleganza dei film del Maestro e che scivola immancabilmente ogni qual volta le ricerchi (è il caso delle riflessioni sulla riscoperta del sentimento paterno), con esiti retorici e superficiali.

Spesso gratuita e grossolana, l'opera prima di Nacho G. Velilla scivola via come un bicchiere d'acqua fresca e si dimentica in fretta. Per chi è alla ricerca di qualche risata facile facile e di un paio d'ore di svago spensierato, non è tuttavia completamente da disdegnare.

Cast e credits

cast:
Javier Cámara, Fernando Tejero, Lola Dueñas


regia:
Nacho G. Velilla


durata:
111'


produzione:
Antena 3 Televisión


sceneggiatura:
Oriol Capel, Antonio Sánchez, David S. Olivas, Nacho G. Velilla


fotografia:
David Omedes


montaggio:
Ángel Hernández Zoido


costumi:
Silvia García Bravo


musiche:
Juanjo Javierre


Trama
Maxi, omosessuale con un passato da etero, fa lo chef in un ristorante alla Chueca, il quartiere gay di Madrid, e ambisce a ottenere una stella nella prestigiosa guida Michelin. La sua vita è serena, almeno fino al giorno in cui i suoi figli Edu e Alba e l'affascinante vicino di casa, il calciatore Horacio, cominciano a metterla in subbuglio