CAST & CREDITS

cast:
Tobias Zilliacus, Mikael Persbrandt, Lena Olin, Helena af Sandeberg, Jonatan Bökman

regia:
Lasse Hallström

distribuzione:
Bim

durata:
122'

sceneggiatura:
Paolo Vacirca

fotografia:
Mattias Montero

montaggio:
Sebastian Amundsen, Thomas Täng

costumi:
Karin Sundvall

musiche:
Oscar Fogelström

L'ipnotista | Recensione | Ondacinema

L'ipnotista

di Lasse Hallström

crime, Svezia (2013)

di Simone Pecetta

Voto: 5.0
Un doppio battesimo ha nel recente passato consacrato la Svezia a nuova Mecca del noir europeo, il primo è quello letterario relativo ai romanzi della trilogia Millennium di Stieg Larsson, il secondo quello cinematografico del regista Tomas Alfredson. Gli scaffali delle librerie che si riempono di gialli scandinavi ne testimoniano l'interesse generale. L'ampio sdoganamento di film svedesi di medio-basso livello indica che i distributori non vogliono perder occasione di sfruttare questa buona onda: così dopo quel "Babycall" che ci aveva raggiunto verso la fine dell'anno passato ora arriva anche "L'ipnotista" di Lasse Hallstrom. Promosso dalla Svezia per gli Oscar 2013 e subito cassato dalla Foreign Language Film Award Committee dell'Academy americana "L'ipnotista" è un thriller (psicologico?) che nonostante una buona partenza riesce prestamente ad imboccare le strade più comode, semplici, scontate e dozzinali. Tratto dal primo di una serie di fortunati romanzi di Lars Kepler (quindi sì, molto probabilmente ci troveremo il prossimo anno a discutere del sequel) la pellicola in questione è una mediocre trasposizione inscenata con pochezza narrativa e abbondanza di dolly.

L'avvio è, tuttavia, intrigante. Una famiglia trucidata a pugnalate, uno dei figli sopravvissuto ma in coma. Un enigma che nei primi movimenti si infittisce e incupisce. Dall'aggressione iniziale ripresa in soggettiva, e che ci ricorda alcune pagine della storia del cinema scritte in modo magistrale dal nostro Argento, al repentino cambio di registro di ripresa aderente a standard televisivi (nello specifico siamo dalle parti di "The Killing") si passa con uno sgomento che non può lasciare spiazzato lo spettatore. Al contempo la narrazione delle vicende inscenate lascia quella strana e fastidiosa sensazione che il testo dal quale il film è stato tratto possa essere molto più interessante di questa mediocre trasposizione che nemmeno nel twist finale riesce a risollevare l'animo oramai afflitto del pubblico, anzi rischia di scivolare nel ridicolo involonatrio. Ma la principale pecca de "L'ipnotista" è la sciatteria con cui sono stati costruiti i personaggi (in particolar modo l'investigatore di turno) che non riescono a suscitare alcun sentimento, alcuna immedesimazione tanto che la pellicola risulta alla fine dei conti un girare in tondo di personaggi per i quali non si riesce ad empatizzare.

Passando dall'horror argentiano al dramma familiare a là Bergman con una disarmante semplicità - un mix questo che se ben giocato sarebbe potuto essere un notevole punto di forza - "L'ipnotista" è un thriller con troppo poco thrill, un racconto che si perde come cartolina sbiadita di un freddo nord del quale solo opacamente percepiamo la tragica poesia perchè tutto si risolve in un susseguirsi di vicende che lo spettatore deve accogliere facendosi recipiente e spengendosi passivamente, nelle quali non può fiondarsi, immergersi nell'attivo abbandonarsi alla fantasia e all'immaginazione. Un buon film non è mai un prodotto, è una macchina che produce senso attraverso lo spettatore. "L'ipnotista" non è un buon film.