Lego Batman - Il film | Film | Recensione | Ondacinema

Ondacinema

recensione di Matteo Zucchi
6.0/10
"Usare una squadra di cattivi contro altri cattivi?
Che idea stupida!"


Il 9 febbraio 2017 esce in buona parte dei cinema europei "LEGO Batman", seguiti dal mercato americano nella data successiva. Il giorno precedente viene diffuso il trailer di "The Lego Ninjago Movie", altro tassello di quello che va a configurarsi come uno dei franchise più particolari del cinema contemporaneo. Basterebbe quest'annotazione per mettere in discussione la definizione di spin-off che è stata adoperata per la pellicola qui recensita. Se difatti la maggior parte delle piattaforme d'informazione e dei critici ha definito in tal modo il "seguito" del bel "LEGO Movie", non si può che considerare la particolarità della sua presunta natura "spin-off". Difatti i due film condividono alcuni dei personaggi principali ma il mondo narrativo in cui si sviluppano è divergente (si veda pure la diversa caratterizzazione di alcuni dei personaggi in comune) e non può essere semplicemente reputato una filiazione dell'altro. Pertanto il film in questione diventa il primo elemento fondante (così come il recente, e giustamente qui parodiato, "Batman v Superman" per il DC Extended Universe) di un nuovo franchise, giunto al cinema nel 2014 ma già diffusosi presso altri media, come un vasto elenco di videogiochi dimostra. Transmedialità da manuale.

Spin off.
"Ruotato fuori", letteralmente, "eiettato". Ed in effetti forse il tanto abusato termine può risultare utile per descrivere "LEGO Batman". Difatti tutta la pellicola si sviluppa in maniera enormemente dinamica, proiettandosi costantemente nel segmento successivo senza quasi dare il tempo di comprendere totalmente ciò che viene messo in scena, cambiando continuamente la propria natura e centrifugando ogni genere di registro e cliché. Così dalla citazione plateale di "Dark Knight Rises" con cui inizia il film si arriva nel giro di pochi minuti all'inserto musicale interpretato da Batman che conclude farsescamente lo scontro tra il supereroe e tutti i suoi nemici di Gotham, ovviamente capitanati da Joker. Pur potendo questo elemento venire letto come un riferimento alla trama del presunto sequel de "Il cavaliere oscuro", poi modificata enormemente a causa della dipartita di Heath Ledger, si deve constatare quanto il marasma di citazioni che si rivela essere il film contribuisca a tenerlo ben distante dalle implicazioni seri(os)e del modello nolaniano.

Si rivela infatti un esercizio abbastanza futile cercare di interpretare il film di Chris McKay come un esemplare del filone di decostruzione del ruolo supereroistico intrapreso da Nolan e Zack Snyder. La critica all'atteggiamento solitario e discutibile di Batman non ne mina minimamente il ruolo e neppure ambisce a farlo. "LEGO Batman" è difatti una commedia conscia dei suoi limiti e l'approccio adottato nei confronti del suo protagonista serve semplicemente ad inserirlo nel contesto cartoonesco in cui si ritrova, quindi normalizzandolo. Da questo punto deriva la problematica più consistente della pellicola qui in questione, gravata da un umorismo semplice, a tratti infantile (e si prega di non sminuire questo punto affermando che si tratta "solo" di un cartone animato), che ricorda quello propagandato dai blockbuster Marvel (ovviamente citati e parodiati) e che rende la leggerezza ricercata dal film a tratti urticante.

Se la comicità adottata normalizza e banalizza la cupezza del supereroe ideato da Bob Kane questa viene a sua volta ricondotta, tramite i sempre più numerosi inserti drammatici, ad una visione assolutamente basica della narrazione mainstream, in cui il divertimento viene stornato dalla prevedibile morale finale, definitiva frustrazione delle potenzialità della pellicola. Perlomeno per quanto concerne l'aspetto concettuale e narrativo dato che il film è esteticamente pregevolissimo, a tratti davvero meraviglioso per il modo in cui integra CGI e stop motion e per la qualità della resa di un mondo interamente composto da LEGO (i notevoli effetti d'acqua, ad esempio). Difficile avere molto da ridire sul prestigioso cast di doppiatori (anche se, in realtà, quello italiano non sempre risulta all'altezza) e su tutte le numerose manovalanze che hanno lavorato a questa interessante coproduzione (magnificate durante i divertenti titoli di coda musicali). D'altronde, come già detto, la vera debolezza del film di McKay sta altrove, nella sua natura di ridanciano frullato postmoderno incapace di essere pienamente tale fino in fondo (ben altro discorso valeva per la mise en abyme di "The Lego Movie"). Un problema che affligge grossa parte della produzione di ampio consumo comica (da sempre, direbbe il sottoscritto) e che rende "LEGO Batman", in questo ricco (cinematograficamente parlando) inizio d'annata, solamente una pellicola fra le tante. Ma se si vuole "solo" scervellatamente divertirsi difficilmente ve ne sarà una più adatta.

11/02/2017

Cast e credits

cast:
Will Arnett, Rosario Dawson, Zach Galifianakis, Michael Cera, Ralph Fiennes, Claudio Santamaria, Geppi Cucciari, Marco Guadagno, Alessandro Sperduti, Roberto Pedicini, Siri


regia:
Chris McKay


titolo originale:
The Lego Batman Movie


distribuzione:
Warner Bros.


durata:
104'


produzione:
Warner Animation Group, RatPac-Dune Entertainment, The Lego Group, Lin Pictures, Lord Miller Product


sceneggiatura:
Seth Grahame-Smith, Chris McKenna, Erik Sommers, Jared Stern, John Whittington


scenografie:
Grant Freckelton


montaggio:
David Burrows, Matt Villa, John Venzon


musiche:
Lorne Balfe


Trama
Batman è l'eroico e infallibile, nonché amatissimo, protettore di Gotham anche nel mondo dei LEGO. L'elezione a commissario dell'avvenente e critica nei suoi confronti Barbara, i contrasti con l'apprensivo maggiordomo Alfred, un fan adottato per caso e, non per ultimo, l'ennesimo piano dello sconsolato Joker per attirare le sue attenzioni mettono in crisi il suo ruolo nella città e la stessa percezione di sé.
Link

Sito ufficiale