Recensioni

Piovono polpette

di Phil Lord, Chris Miller

animazione, Usa (2009)

CAST & CREDITS

cast:
Anna Faris, Bill Hader, James Caan, Andy Samberg

regia:
Phil Lord, Chris Miller

distribuzione:
Sony Pictures Releasing Italia

durata:
90'

produzione:
Sony Pictures Animation

sceneggiatura:
Phil Lord, Chris Miller

montaggio:
Alex Rodríguez

musiche:
Mark Mothersbaugh

Piovono polpette | Recensione | Ondacinema

Piovono polpette

di Phil Lord, Chris Miller

animazione, Usa (2009)

di Matteo De Simei

Voto: 6.0

Avete mai visto una pioggia di hamburger? Se siete curiosi rivolgetevi a Flint Lockwood, scienziato testardo e fragile, e al suo marchingegno capace di trasformare l'acqua in tutte le forme più disparate di cibo. Invenzione megagalattica o involontaria catastrofe?
Arriva anche in Italia il grande successo della Sony Pictures Animation (solo negli Stati Uniti la pellicola ha incassato quasi 200 milioni di dollari) marchiato Disney e fresco di candidatura all'Oscar.
I timonieri di questa originale avventura portano i nomi di Charles Miller e Phil Lord, che hanno tratto spunto la loro sceneggiatura dal libro illustrato per bambini di Judi e Ron Barret (Cloudy With a Chance of Meatballs, 1978).

Non è una novità che un programma narrativo d'animazione ricorra inequivocabilmente a stereotipi e a ruoli pre-confezionati. E allora eccoci di fronte al protagonista-perdente che inizia la sua strabiliante avventura da solitario e incompreso (soprattutto nei confronti del padre) fino a scalare la fama, l'affetto e l'amore della giornalista "secchiona" Sam. Nel mezzo Miller e Lord mescolano azioni pirotecniche, colori sfavillanti e un considerevole spazio riservato alle risate ed alle ironiche parodie del genere catastrofico cinematografico.
Tuttavia, il vero protagonista della pellicola (non ce ne voglia il pur simpatico Flint) è l'atto di denuncia sulla sovralimentazione, argomento che riguarda specialmente gli States (il duo "rovescia" dal cielo una varietà allucinante di alimenti: dagli hamburger agli ortaggi, dal gelato alla gelatina), personificando la figura del consumatore malato a quella del sindaco meschino sempre più grasso.
La tecnologia 3D e la musica di Mark Mothersbaugh (compare a sorpresa "Sirius" degli Alan Parson's Project) completano degnamente il menù del progetto.

"Piovono polpette", seppur a tratti esagerato nella sua demenza infantile, trascina lo spettatore nell'ilarità totale e lo invita a riflettere su contenuti latenti da non sottovalutare.
Niente a che vedere con "Up", "Coraline" e "Ponyo" ma quanto basta per conferire al 2009 l'anno dell'animazione.