CAST & CREDITS

cast:
Bruno Todeschini, Alessia Barela, Gianfelice Imparato, Marc Barbé

regia:
Rolando Colla

distribuzione:
Movimento Film

durata:
96'

produzione:
Solaria Film, Peacock Film, ARTE France

sceneggiatura:
Rolando Colla, Olivier Lorelle, Heloise Adam, Nicole Borgeat

fotografia:
Lorenz Merz Gabriel Lobos

scenografie:
Andy Schrämli Marcello Di Carlo

montaggio:
Rolando Colla

costumi:
Daniela Verdenelli

musiche:
Bernd Schurer

Sette giorni | Recensione | Ondacinema

Sette giorni

di Rolando Colla

drammatico, Italia/Svizzera (2017)

di Carlo Cerofolini

Voto: 7.0
Inizialmente è una rotta tracciata su una cartina geografica, poi diventa il punto di vista di Chiara, ripreso dalla soggettiva che ci mostra la conclusione del suo viaggio e l'approdo nell'isola siciliana (di Levanzo) dove Ivan, l'altro protagonista del film l'attende per organizzare il matrimonio del fratello con l'amica di lei. Come spesso succede nei buoni film le sequenze introduttive oltre a disbrigare i compiti legati agli aspetti artistici e produttivi dell'operazione - riassunti dall'incarico e dal nome e cognome dei partecipanti - hanno lo scopo di dettare le linee guida della storia, di stabilire gli ambiti entro cui si svolgerà il racconto e di fornire un'idea di come il regista ha deciso di mostrarcelo. Una partitura filmica di breve durata ma pronta a caricarsi di senso quando si tratta di dare conto del (non) luogo dell'azione, definito dalle caratteristiche di un territorio che nella sua selvatichezza e per il fatto di essere isolato dal resto dell'ecumene diventa l'occasione per spogliarsi delle rispettive maschere e fare i conti con se stessi, dimenticando per un momento i lasciti delle rispettive vite. E, ancora, di segnalare la compresenza di due diverse prospettive: quella sostanziale e pragmatica - peraltro simboleggiata dalle rotte tracciate sulla carta nautica - chiamata a "riempire" la trama con la geografia del paesaggio e con le cose da fare (i preparativi a cui si dedicano Ivan e Chiara); quella interiore, anticipata dalla scelta di sostituire il primo piano della protagonista con il punto di vista "interno" al personaggio, riassunto dalla scelta di celare il volto della donna dietro la soggettiva piazzata in apertura del film.

"Sette giorni" è dunque un viaggio sentimentale che si compie sulla superficie del visibile e sotto ciò che appare; attraverso gli splendidi scorci dell'isola siciliana, riprodotta dalla mdp con la volontà di restituire senza alterazioni la bellezza ancestrale di un'area miracolosamente incontaminata, e nella fisicità dei personaggi, le cui nudità sono destinate a fare da specchio alla consistente essenzialità della natura che le ospita. Se la traiettoria finale dell'indagine, volta a far uscire allo scoperto i reali propositi dell'uomo e della donna, si rivela - agli occhi delle parti in causa - come la possibilità di una rinascita personale (la presenza dell'acqua e le scene in subacquea dei corpi che vi nuotano dentro è tutt'altro che casuale) e quale ipotesi di un punto di partenza che per essere tale deve fare i conti con il dolore prodotto dalle conseguenze di quell'amore clandestino, "Sette giorni" ci dice anche altro. A cominciare dall'urgenza di un regista, l'elvetico Rolando Colla, che dopo "Giochi d'estate", ambientato nella costiera Toscana torna a girare in Italia per mettere sullo schermo la trasfigurazione di un nostos che lo riporta nelle terre dei suoi genitori (Svizzero di nascita Colla è figlio di immigrati italiani) e che l'autore mette in scena prestando alla storia stati d'animo e liturgie che gli derivano dai suoi natali. Da quelle terre viene lo spirito apolide e la predisposizione alla mobilità che impronta le vicenda del film, come pure l'attenzione al sociale che "Sette giorni" fa trasparire negli accenni al percorso terapeutico seguito da alcuni dei personaggi per cercare di vincere la dipendenza dalle droghe. E, ancora, il richiamo al cinema e, nella fattispecie, al festival di Locarno, punto di aggregazione e catalizzatore culturale dell'intera nazione, al quale ad un certo punto Colla rende omaggio nella sequenza dei fotogrammi proiettati sulle mura di un antico palazzo siciliano, alla pari di quanto accade su quelli ubicati nella Piazza grande della città lacustre che prima della visione si tappezzano dei momenti più evocativi della settimana arte.

Alternando fenomenologia e introspezione, sempre supportate da immagini che non perdono di vista la loro funzione narrativa, e che da sole avrebbero fatto meglio della sceneggiatura, un po' impacciata quando si tratta di dare voce alle ragioni che portano allo scoperto le intenzioni di Ivan nei confronti di Chiara, "Sette giorni" si costruisce le proprie credenziali facendo leva sulla capacità degli attori di scomparire dentro i rispettivi ruoli - con una menzione particolare per la brava e coraggiosa Alessia Barela, in grado di tenere testa e anche di più al collaudato Bruno Todeschini - e nel riuscito tentativo di rapportarsi al mondo circostante senza la volontà di volerlo spiegare, ma dando l'impressione di farlo vivere davanti ai nostri occhi.