CAST & CREDITS

cast:
Julianne Moore, Michael Angarano, Greg Kinnear, Lily Collins, Nathan Lane

regia:
Craig Zisk

distribuzione:
Adler Entertainment

durata:
93'

produzione:
Artina Films

sceneggiatura:
Stacy Chariton, Dan Chariton

fotografia:
Vanja Cernjul

scenografie:
Michael Shaw

montaggio:
Myron I. Kerstein

costumi:
Emma Potter

musiche:
Rob Simonsen

The English Teacher | Recensione | Ondacinema

The English Teacher

di Craig Zisk

commedia, Usa (2014)

di Matteo De Simei

Voto: 4.0

Dirigere una bella commedia oggi è diventata un'impresa ardua e macchinosa. Certo, si tratta pur sempre di un componimento cinematografico ben più articolato e complesso se paragonato alla realizzazione di un dramma o di una tragedia di finzione: far ridere e sorridere con intelligenza, eleganza e zelo richiede un impegno non indifferente. Mera e obiettiva anticipazione che può in lieve misura lenire la grossolanità di una pellicola del calibro di "The English Teacher" ma che, ahimè, non può far occultare la presa di coscienza di un genere cinematografico che soprattutto in America sta rischiando seriamente di estinguersi per la sua vacuità. Perché non si pretende mica che vengano ripercorsi i fasti della commedia brillante e romantica che hanno fatto la storia dei vari CapraWilderEdwards e Allen ma almeno che si prenda la giusta distanza da quel tipo di commedia sbrigativa e facilona tipicamente contemporanea e a stelle e strisce, indirizzata perlopiù a un target decisamente puerile.

"The English Teacher" è uno degli ultimi prodotti sfornati dagli ingranaggi hollywoodiani, esordio alla regia di Craig Zisk, misconosciuto in ambito cinematografico e, per contro, rinomatissimo nel campo delle serie televisive americane, dove ha diretto molti tra i più celebri successi giunti anche nel nostro paese: "Streghe", "Scrubs" "Alias", "Nip/Tuck" e "Weeds". È una voice over a introdurre la storia di un'insegnante di inglese, Linda Sinclair, che lavora in una piccola scuola superiore della Pennsylvania, grande amante della letteratura classica e inguaribile romantica. Ma Linda, nella sua composta professionalità e nella sua rigida integrità morale, non riesce a trovare nessun uomo da avere al suo fianco, fattore che la destabilizza non poco. L'arrivo di Jason, un suo vecchio alunno ora aspirante scrittore, innescherà la miccia per una serie di inconvenienti e di equivoci a sfondo rosa che proietteranno la nostra protagonista in un mare di guai.

Dopo una prima parte allettante anche se subitamente appesantita dai cliché più disparati (uno su tutti, gli occhialoni nerd della Moore che rievocano il visino frustrato di Bridget Jones), "The English Teacher" palesa tutta la sterilità di un racconto privo di sostanza, costantemente tallonato dall'ombra del tedio e da una sensazione di déjà vu cinematografico che si rincorre di sequenza in sequenza. Colpa di un soggetto banale e scontato, ispirato fondamentalmente dall'allegorica fiaba anderseniana del brutto anatroccolo ma con vani agganci all'attualità e alle dinamiche morali odierne. In questo senso, il colpo di grazia è reso da una sceneggiatura a tratti svogliata (l'enfasi marcata e i dialoghi caricaturali dei personaggi secondari)  a tratti ipocrita (il citazionismo dilagante o il gioco prolungato del misunderstanding che origina odio e incomprensione e che viene frenato solamente alle battute conclusive da un prodigioso e inspiegabile ricongiungimento collettivo).

La pellicola si rivela dunque una "crisalide" (come l'opera scritta da Jason nel film) destinata a rimanere tale. L'unico bozzolo in grado di schiudersi è quello della protagonista, unico personaggio visto da vicino, sufficientemente studiato e analizzato, anche per merito della brava e affascinante Julianne Moore. Gradevole il tocco brioso delle sovrimpressioni, derivative anche queste ma, se non altro, funzionali al contesto. Decisamente troppo poco per risollevare le sorti di un genere che in passato ha fatto la fortuna degli studios americani e che oggi si ritrova tristemente alla deriva.