CAST & CREDITS

cast:
Ben Stiller, Benedict Cumberbatch, Milla Jovovich, Nathan Lee Grahame, Beck Bennett, Kyle Mooney, Christine Taylor, Cyrus Arnold, Fred Armisen, Sting , Kristen Wiig, Will Ferrell, Penélope Cruz, Owen Wilson, Justin Theroux

regia:
Ben Stiller

distribuzione:
Universal

durata:
102'

produzione:
Scott Rudin Productions

sceneggiatura:
John Harmburg, Ben Stiller, Nick Stoller, Juystin Theroux

fotografia:
Daniel Mindel

scenografie:
Jeff Mann

montaggio:
Greg Hayden

costumi:
Leesa Evans

musiche:
Theodore Shapiro

Zoolander 2 | Recensione | Ondacinema

Zoolander 2

di Ben Stiller

commedia, Usa (2016)

di Mirko Salvini

Voto: 4.5
Derek Zoolander è tornato! Ma probabilmente i suoi molti (alcuni insospettabili) ammiratori avrebbero gradito per l'occasione qualcosa di più di una pretestuosa vacanza romana ed una serie imponente di partecipazioni straordinarie da parte di personaggi noti impegnati ad apparire nei panni di loro stessi (c'è stato il noto rifiuto da parte dell'ex first lady Laura Bush ma la cosa è davvero ininfluente). Cosa di per sé senza dubbio simpatica ma una commedia che si rispetti non può, ovviamente, poggiarsi esclusivamente su questo. Ben Stiller ritrova uno dei suoi personaggi più celebri e anche l'abituale "partner in crime" Owen Wilson, ma il risultato è al di sotto delle sue opere più felici.
Uscito nel 2001 a poche settimane dagli attentati dell'11 settembre, il primo "Zoolander" funzionò bene sia al botteghino sia con i critici, probabilmente perché fu considerato un'occasione di distrazione in momenti particolarmente difficili. Con l'uscita in home video e, soprattutto, il passare degli anni, le avventure del più famoso (e improbabile) fotomodello del mondo hanno guadagnato uno status di culto, che evidentemente ha spinto la Paramount (in Italia distribuisce la Universal) ad un'uscita per San Valentino, convinti di poter richiamare una buona fetta di pubblico. Non sarebbe certo la prima volta che il sequel (per quanto tardivo) di una commedia di successo riesce a capitalizzare sulla popolarità del predecessore. E' ancora presto per vedere se l'idea è stata giusta ma possiamo per il momento dire che la critica non ha simpatizzato molto con l'operazione.
 
Il film inizia con l'omicidio della pop star Justin Bieber, il quale defunge non prima di avere postato un ultimo selfie sul suo profilo Instagram: lui che imita la celebre espressione "blue steel" (o almeno questo è quello che inizialmente viene creduto) dell'ancor più celebre Zoolander. Apprendiamo che è solo l'ultimo di una lunga catena di delitti nel mondo del pop: chi sta uccidendo le star più celebri e qual è il loro legame col protagonista? Trattasi di un mero pretesto ma d'altronde non è che gli elementi da spy story fossero il punto di forza del primo film...
Il protagonista comunque è all'oscuro di tutto ciò, visto che da anni conduce un'esistenza da eremita. Ovvero da quando la sua "Scuola per bambini che non sanno leggere molto bene" è crollata miseramente (a soli due giorni dall'inaugurazione), a causa di inconcepibili difetti di progettazione. Dopo aver perso l'amata Matilda (Christine Taylor, nella vita Signora Stiller, che appare comunque fugacemente, decisione discutibile visto il contributo dato dal personaggio al primo episodio) ed essersi visto togliere la tutela del figlio Derek Jr., si è trasferito in un New Jersey straordinariamente innevato. Anche il suo nemico-amico Hansel nel frattempo ha lasciato le passerelle e vive in una Malibù alquanto desertica, dedito alle gioie dell'amore di gruppo (del quale fanno parte anche Kiefer Sutherland e la Miss Universo di Sorrentino, Madalina Ghenea).
Ma il loro esilio è destinato a finire ed è Billy Zane (già presente nella prima avventura) a convincerli (non senza grossa fatica) a tornare in quel luccicante e futile mondo di cui sono stati (si fa per dire) il simbolo. Quindi li ritroviamo nella città eterna, ingaggiati da Alexanya Atox, nuova sovrana dell'haute couture (una Kristen Wiig che sicuramente si sarà divertita nella parodia dei vari vip che hanno ecceduto nell'uso di lampade e botox), spettacolarmente abbigliata dalla costumista Leesa Evans. Tra i sinistri maneggi di Alexanya e l'aggressività di un ambiente nel quale non si riconoscono più, Derek e Hensel si perderebbero senza l'aiuto Valentina de Valente (Penèlope Cruz), ex modella di costumi da bagno e ora agente dell'interpol (dipartimento Alta Moda?!?). Valentina aiuterà anche Derek a ritrovare il figlio (cosa non troppo difficile visto che l'orfanotrofio dove vive si trova proprio a Roma) e diventerà entro i titoli di coda il suo nuovo amore.
 
Nell'incasinatissimo (nonché fumoso) plot non potevano essere lasciati fuori l'arcinemico di Zoolander, lo stilista Mugatu (un Will Ferrell in gran forma anche se poco utilizzato) e i suoi aiutanti Todd, Evil Dj (Justin Thereoux, che ha pure contribuito alla sceneggiatura, anche se forse questo non depone a suo favore) e Katinka (una Milla Jovovich che appare in extremis per una cat fight con Valentina/Penèlope). Stiller e il suo team arrivano anche a citare "Il Codice Da Vinci", anche se questo non contribuisce più di tanto al divertimento, che si affida ad alcune battute politicamente scorrette, indirizzate soprattutto al personaggio di Derek Jr. (Cyrus Arnold).
Tra personaggi insopportabili (il Don Athary di Kyle Moonie) e altri che si rivelano al di sotto delle attese (il fotomodello Tutto incarnato da Benedict Cumberbatch), il vero problema di "Zoolander 2" è che le gag sono orchestrate seguendo la logica dell'accumulo e non tutte sono riuscitissime, anzi. Stiller e Wilson sono una coppia indubbiamente affiatata ma lo Stiller regista ha funzionato decisamente meglio in passato (si pensi a "The Cable Guy" o "Tropic Thunder"). Inoltre questo sequel non funziona neanche troppo come parodia del mondo della moda perchè non dice niente di particolarmente scomodo sull'ambiente e questo lo si capisce anche dal fatto che molti stilisti abbiano deciso di apparirvi.