La tv del cinema inatteso

del 18/10/2014

I palinsesti dei prossimi sette giorni presentano poca omogeneità nella distribuzione di pellicole interessanti, alternando giorni di magra ad autentici tour de force cinematografici. A sorprendere è però il gran numero di opere nascoste o considerate "minori" e per questo viste poco sia sul grande che soprattutto sul piccolo schermo. Inoltre, da questa settimana anche noi cambiamo veste. Per rendere più agile e immediata la fruizione della nostra guida tv, abbiamo infatti deciso di arricchirla di immagini, esaltando così la "materia prima" della Settima Arte, e di lasciare maggiore spazio al film che il redattore considera la "visione imperdibile" della giornata, senza comunque limitare la varietà dei titoli. Fiduciosi che il restyling sia di vostro gradimento, vi presentiamo una nuova selezione di cinema a portata di telecomando.


Domenica 19 ottobre

Il film del giorno:

13 assassini di Takashi Miike (23.00, Rai 4)
Col pretesto del remake di una pellicola poco nota degli anni Sessanta, l'iperattivo e (iper)prolifico Takashi Miike ci propone la sua versione dello jidai-geki. Il risultato, di raffinatissima fattura, conferma la sapienza compositiva del regista che deflagra nelle strabilianti coreografie delle sequenze d'azione. Non solo: dopo una lunga parentesi giocosa tra trasposizioni di anime e divertissement citazionisti, Miike si confronta con la storia e la tradizione giapponese, facendo riemergere una densità sottotestuale particolarmente seria e significativa.

miike_01_600

Gli altri "da vedere":

Il signore degli anelli: la compagnia dell'anello di Peter Jackson (19.15, Italia1)
Zora la vampira di Manetti Bros. (22.45, Iris)
C'era una volta il west di Sergio Leone (21.30, Rete 4)
Django Unchained di Quentin Tarantino (23.15, Cielo)
Dillinger è morto di Marco Ferreri (1.35, Rai 3)



Lunedì 20 ottobre

Il film del giorno: 

Il delitto perfetto di Alfred Hitchcock (21.00, Iris)
Quando il Maestro decideva di realizzare film "da camera" era sempre intenzionato a sperimentare nuove soluzioni e mettere alla prova le proprie abilità virtuosistiche. Come il salotto del piano-sequenza di "Nodo alla gola", anche quello di "Dial M For Murder" più che una quinta teatrale pare un luogo completamente permeabile allo sguardo dello spettatore in cui a un certo punto fanno irruzione la tensione e il pericolo. Addirittura, per una resa più credibile e immersiva della profondità spaziale dell'interno domestico, si fece ricorso all'allora rarissimo formato stereoscopico. Con o senza 3D, questa macchina di suspense - che sugellò il principio della collaborazione di sir Alfred con la sua adorata, algida musa Grace Kelly - resta un saggio di bravura inarrivabile.

dialm_02_600.

Gli altri "da vedere":

Sorelle mai di Marco Bellocchio (15.35, Rai 5)
I Love Music di Paul Soter (21.10, Laeffe)
Il sipario strappato di Alfred Hitchcock (23.00, Iris)
Blow Out di Brian De Palma (23.05, Rai Movie)
Dieci incredibili giorni di Claude Chabrol (1.25, Iris).



Martedì 21 ottobre

Il film del giorno:

Pusher di Nicolas Winding Refn (23.45, Rai 4):
Esordio tosto quello di Nicolas Winding Refn. Armato di risorse economiche e mezzi tecnici a dir poco modesti, il cineasta danese, giovane e disinvolto, gestisce la materia filmica con cruda e fremente visceralità. I movimenti liquidi e nervosi della sua macchina da presa catturano il cammino distruttivo di un piccolo spacciatore di cocaina nelle viscere più oscure e periferiche di Copenaghen. Il crimine ridotto in rigaglie putrescenti. È solo l'inizio di una folgorante trilogia e di uno dei percorsi autoriali più affascinanti e impetuosi degli ultimi anni.

pusher_03_600

Gli altri "da vedere":

A piedi nudi nel parco
di Gene Sacks (21.15, Rai Movie)
Una storia d'acqua di Jean-Luc Godard (22.50, Rai 5)
Valhalla Rising - Regno di sangue di Nicolas Winding Refn (1.35, Rai 4).



Mercoledì 22 ottobre

Il film del giorno:

Ricky - Una storia d'amore e libertà di François Ozon (23.15, Rai Movie)
Nonostante esiti non sempre all'altezza delle aspettative, il cinema di Ozon è stato sempre permeato da un contatto vivace e poco inquadrabile con la realtà complessa delle relazioni umane e da una intelligenza formale dalla singolarità spesso sorprendente. Grazie soprattutto a un disegno preciso dei personaggi, questo "Ricky", oggetto indubbiamente bizzarro, salda con una certa destrezza i differenti perimetri del dramma sociale, della commedia, del fantastico e del fiabesco. Capace, senza mai sfiorare il ridicolo involontario o l'enfasi retorica, di essere poetico e - strano a dirsi - credibile.

ricky_04_600

Gli altri "da vedere":

La strana coppia
di Gene Saks (14.10, Rai Movie)
Cella 211 di Daniel Monzòn (0.25, Rai 4).



Giovedì 23 ottobre

Il film del giorno:

L'ultima donna di Marco Ferreri (2.25, Rete 4)
Film della notte, per meglio dire. E non soltanto per l'orario della messa in onda, ma perché quella di Marco Ferreri è una voragine nerissima, plumbea in cui si consuma l'inesorabile annientamento della famiglia come microcosmo protettivo, cardine degli affetti. Attraverso la frontalità esibita, l'onnipresenza del sesso, la livida, cinerea configurazione degli interni claustrofobici, il cineasta milanese si fa interprete di una società brutale e annichilita, fondata su una cultura intimamente patriarcale e fallocratica. Capolavoro terribile.

ultimadonna_05_600

Gli altri "da vedere":

Mona Lisa Smile
di Mike Newell (21.10, Mtv)
Silkwood di Mike Nichols (21.15, Rai Movie).



Venerdì 24 ottobre

Il film del giorno:

L'affare del secolo di William Friedkin (22.50, 7 Gold)
Lungi dall'essere il meglio di William Friedkin, autore rivoluzionario rimasto poi ai margini del panorama produttivo statunitense, "L'affare del secolo" (oggi difficilmente reperibile) merita una visione forse proprio per via dei suoi macroscopici difetti. Commedia di grana grossa sulle peripezie di un mercante d'armi, è un tassello inedito nella filmografia del regista che, non nascondendo un certo disagio nella gestione dei ritmi comici, porta a casa una satira sul potere ingenua, sgraziata, ma a suo modo ficcante. E, oltre a questo, un documento ruspante e per nulla levigato del gusto chiassoso degli anni Ottanta.

affaresecolo_06_600

Gli altri "da vedere":

Sfida all'O.K. Corral di John Sturges (16.35, Rete 4)
Rocky di John G. Avildsen (21.00, Iris)
The Breach - L'infiltrato di Billy Ray (21.10, La7d)
Lasciami entrare di Tomas Alfredson (23.00, Rai 4)
Dead Man Walking di Tim Robbins (23.00, Rai Movie)
Troppo presto, troppo tardi di Jean-Marie Straub, Daniéle Huillet (4.00, Rai 3).



Sabato 25 ottobre

Il film del giorno:

Luci nella notte di Cédric Kahn (22.10, Laeffe)
Sull'omonimo romanzo di Georges Simenon si basa questo (invisibile) gioiello di Cédric Kahn. Una coppia di parigini si mette in viaggio per recuperare i figli in un campo estivo. Il traffico, l'autostrada, l'alcool, la lite, la separazione, la notte. "Feux Rouges", sorretto dal rigore di una messinscena minimale e di una meccanica meticolosa e cristallina, lascia scivolare lo spettatore al suo interno, con inquietante, silenziosa compostezza. Ermetico e sottile nel trasmutare il reale in regione dell'incubo.

lucinotte_07_600

Gli altri "da vedere":

L'ultima valle
di James Clavell (11.45, La 7)
Visioni d'Europa: Prologo di Béla Tarr (2.00, Rai 3)