Avventure spaziali e orrori del nuovo millennio

del 12/04/2015

Con l'avvento della stagione primaverile si assiste a un profluvio di film di genere di grande qualità che vanno dall'ultima fantascienza a rielaborazioni horror di autori ormai affermati. Saltando da un canale all'altro, in un palinsesto che predilige la cinematografia degli ultimi vent'anni, il cinefilo ha solo l'imbarazzo della scelta e non mancano delle vere e proprie perle del cinema mondiale.



Domenica 12 aprile

Il film del giorno
Star Trek - Il futuro ha inizio (2009) di J.J. Abrams (21:20, Italia 1, durata 122')

star_trek_tv

Quel genio di J.J.Abrams (in attesa della continuazione della saga di "Guerre Stellari") ha ripreso i personaggi di Star Trek riscrivendo la linea temporale della storia. Un vero e proprio riavvio che non è solo narrativo, ma soprattutto stilistico, aggiungendo e rileggendo temi e stilemi di quella che è una vera e propria opera mondo. Uno dei migliori film della saga trekiana con capitan Kirk, il giovane signor Spock e tutti personaggi dell'ormai famoso equipaggio dell'Enterprise, rutilante e senza un attimo di respiro. Il blockbuster sposa l'immaginario collettivo, arricchendolo e rivitalizzando, per un viaggio cinematografico iniziato nel lontano 1966, con il primo episodio della serie televisiva, continuato sul grande schermo e di cui (per fortuna) non si vede la fine.


Gli altri film
Il tè nel deserto (1990) di Bernardo Bertolucci (21:00, Iris, durata 138')
Convoy - Trincea d'asfalto (1978) di Sam Peckinpah (21:15, Rai Movie, durata 115')
Strategia del ragno (1972) di Bernardo Bertolucci (21:35, Rai Storia, durata 98')
Source Code (2011) di Duncan Jones (22:45, Rai 4, durata 93')
Io e te (2012) di Bernardo Bertolucci (23:45, Iris, durata 97')
Psycho (1998) di Gus Van Sant (00:25, Rete 4, durata 103')


Lunedì 13 aprile

Il film del giorno
Gravity (2013) di Alfonso Cuarón (21:10, Rsi La1, durata 93')

 

gravity_tv

Il regista messicano mette in scena il dramma dell'astronauta dottoressa Stone sperduta nello spazio dopo una collisione tra lo shuttle e un ammasso impazzito di detriti che vorticano intorno alla Terra. Grande prova di stile di Cuarón (premiato con una pioggia di Oscar) con piani sequenza mozzafiato e una Sandra Bullock che dona spessore psicologico e credibilità al suo personaggio. Peccato che in tv non si possa apprezzare il miglior 3D di sempre, questa volta funzionale e non posticcio. Ma la magia di questa opera rimane intatta per un film che narra un'odissea umanista per un ritorno alle proprie radici terrene e metafisiche.


Gli altri film
Insomnia (2002) di Christopher Nolan (21:00, Iris, durata 119')
L'enfant - Una storia d'amore (2005) di Jean-Pierre e Luc Dardenne (21:05, Laeffe, durata 95')
Habemus Papam (2011) di Nanni Moretti (21:05, Rai 3, durata 100')
Star Trek Into Darkness (2013) di J.J.Abrams (21:10, Italia 1, durata 129')
Tomboy (2011) di Cèline Sciamma (22:55, Laeffe, durata 84')
Sleepers (1996) di Barry Levinson (00:05, Rsi La1, durata 140')
Pi greco - Il teorema del delirio (1998) di Darren Aronofsky (01:40, Iris, durata 85')


Martedì 14 aprile

Il film del giorno
Femme Fatale (2002) di Brian De Palma (00:25, Iris, durata 115')

femme_fatale_tv

Appartenente ai Movie Brats degli anni 70 (insieme a Scorsese, Coppola, Lucas e Spielberg), De Palma ha rielaborato la lezione hitchcockiana creando un linguaggio cinematografico originale e personale. "Femme Fatale" fa parte dell'ultimo periodo della ricca filmografia del regista americano, che ha attraversato cinquant'anni della storia del cinema, divenendone uno dei suoi protagonisti indiscussi. Tra citazioni di "La donna che visse due volte" e virtuosismi con la macchina da presa che contraddistinguono il suo stile, De Palma mette in scena le vicende alternative di una ladra di gioielli tra la Costa Azzurra e Parigi. Tra sogno e realtà, in un continuo gioco di specchi e di percorsi narrativi alternativi, il regista ci regala un'opera di grande suspense e di forte carica erotica (grazie anche alla moderna dark lady Rebecca Romijn-Stamos che non si risparmia).


Gli altri film
Miracolo a Le Havre (2011) di Aki Kaurismaki (21:15, Rai 5, durata 103')
Il Padrino - Parte III (1990) di Francis Ford Coppola (21:00, Iris, durata 162')
A piedi nudi nel parco (1967) di Gene Sacks (21:15, Rai Movie, durata 106')
Il vento che accarezza l'erba (2006) di Ken Loach (23:05, Laeffe, durata 124')
ACAB - All Cops Are Bastards (2012) di Stefano Sollima (23:05, Rai Movie, durata 90')


Mercoledì 15 aprile

Il film del giorno
La promessa dell'assassino (2007) di David Cronenberg (21:00, Iris, durata 100')

 

la_promessa_dellassassino_tv

Tra i più innovativi e originali autori che hanno attraversato il confine del millennio, Cronenberg non smentisce il suo sguardo da antropologo sociale e indagatore di metamorfosi prima fisiche e poi psichiche. In questo dramma immerso nelle atmosfere del cinema di genere gangster, la cinepresa del regista canadese, partendo da un'ostetrica che assiste alla morte di una giovane russa mentre partorisce la sua bambina, introduce lo spettatore nelle vicende di una organizzazione della mafia russa con sede a Londra. Attuando un'operazione di decostruzione dei topoi del genere a suo uso e consumo, Cronenberg non fa altro che mettere in scena alcune delle sue ossessioni: il sesso come causa scatenante di cambiamento (non solo corporeo, ma anche psicologico e sociale), la violenza e la morte, il conflitto tra mondi differenti, la mutazione (in questo caso sociale e politica), il gioco del doppio. Il tutto sorretto da uno Viggo Mortensen che presta il volto e il corpo al gangster Nikolai in una continuazione interpretativa con il precedente "A History of Violence". La sequenza dello scontro all'arma bianca tra Nikolai e due sicari all'interno del bagno turco è ormai diventato un cult.


Gli altri film
L'altro delitto (1992) di Kenneth Branagh (23:05, Rai Movie, durata 108')
Nel centro del mirino (1993) di Wolfgang Petersen (23:15, La7, durata 123')
Spider (2002) di David Cronenberg (23:30, Iris, durata 98')
Pronti a morire (1995) di Sam Raimi (23:45, Rete 4, durata 103')
Mi piace lavorare - Mobbing (2003) di Francesca Comencini (00:10, La7D, durata 89'


Giovedì 16 aprile

Film del giorno
The Others (2001) di Alejandro Amenábar, (23:55, Rai Movie, durata 104')

the_others_tv 

Isola di Jersey subito dopo la Seconda Guerra Mondiale, una vedova e i suoi due figli vivono isolati dal mondo in una grande casa. Con la scusa che i bambini soffrono di una malattia che non gli permette di esporsi alla luce del giorno, le loro giornate (e soprattutto notti) si susseguono uguali e con rigide regole di comportamento. Ma strani eventi accadono nella casa e la madre cade in uno stato di paranoia sempre crescente. Il regista spagnolo (conosciuto per il pluripremiato "Mare dentro") non è nuovo a tematiche horror e fantastiche ("Tesis" e "Apri gli occhi"), anche se qui, recuperando atmosfere gotiche e i classici topoi delle storie di fantasmi, non raggiunge l'originalità dei film precedenti (con un finale che ricorda quello de "Il sesto senso" di M. Night Shyamalan). Ma resta un horror di pregevole fattura, con una suspense ben dosata e continuamente crescente per tutta la durata della pellicola e con Nicole Kidman convincente e nevrotica quanto basta.


Gli altri film
Parla con lei (2001) di Pedro Almodovar (21:00, Iris, durata 112')
Joe (2013) di David Gordon Green (21:05, Rai 3, durata 117')
Ubriaco d'amore (2002) di Paul Thomas Anderson (21:05, Laeffe, durata 97')
Teresa Venerdì (1941) di Vittorio De Sica (21:05, Tv 2000, durata 94')
The Fighter (2010) di David O. Russel (21:10, Mediaset Italia 2, durata 115')
A proposito di Schmidt (2002) di Alexander Payne (21:15, Rai Movie, durata 124')
Michael Clayton (2007) di Tony Gilroy (23:40, Rete 4, durata 119')
Million Dollar Baby (2004) di Clint Eastwood (01:45, Rai Movie, durata 137')


Venerdì 17 aprile

Film del giorno
Blade II (2002) di Guillermo Del Toro (21:10, Rai 4, durata 116')

blade_ii_tv

Difficilmente i sequel sono film più interessanti (o al massimo equivalenti) dei capofila, ma in questo caso il regista messicano centra l'obiettivo con la ripresa delle avventure di Blade, vampiro mezzosangue ribelle cacciatore di altri vampiri, che riesce a vivere anche alla luce del Sole (e per questo soprannominato dai sui nemici "Il diurno"). Qui Blade si allea momentaneamente con una squadra scelta dell'organizzazione di vampiri per affrontare un pericolo comune: una nuova razza di succhiasangue mutanti che attacca indistintamente i vivi e i "non morti". Del Toro dimostra di saper utilizzare la macchina da presa con bravura e dirige un cinefumetto di qualità, ricco di scene di azioni riprese e montate con forza e velocità. Ma "Blade II" è anche un horror con invenzioni che aggiornano il genere vampiresco, basato su una sceneggiatura piena di personaggi interessanti (e un finale che ribalta le attese dello spettatore) e sfruttando al meglio le scenografie urbane notturne.


Gli altri film
Training Day (2001) di Antoine Fuqua (21:00, Iris, durata 123')
The Stone River (2013) di Giovanni Donfrancesco (21:15, Rai 5, durata 88')
Sinister (2012) di Scott Derrickson (23:20, Rai 4, durata 110')
L'amore (1948) di Roberto Rossellini (02:00, Rai 3, durata 78')


Sabato 18 aprile

Il film del giorno
Bianco, Rosso e Verdone (1981) di Carlo Verdone (21:00, Iris, durata 110')

bianco_rosso_e_verdone_tv

Opera seconda del comico romano, prodotto da Sergio Leone, Verdone dirige se stesso e uno gruppo di caratteristi ben disegnati in un film composto da storie parallele di tre personaggi in viaggio per l'Italia per raggiungere la città dove dovranno votare per un'elezione politica: Furio, avvocato torinese pignolo e logorroico; Pasquale, immigrato in Germania che praticamente si esprime a grugniti ed espressioni facciali; Mimmo, ragazzone ingenuo e poco sveglio. Ancora debitore della ricca galleria di tipi italici che Verdone aveva portato in televisione negli anni precedenti, è comunque un film che riesce a sganciarsi dallo stile prettamente televisivo e compilativo della sua opera prima "Un sacco bello". Pieno di gag divertenti e molte volte esilaranti, riesce a far sorridere ancora lo spettatore contemporaneo della società italiana degli anni 80 in modo lieve e ironico.


Gli altri film
Quell'ultimo ponte (1977) di Richard Attenborough (21:15, Rai Movie, durata 150')
Starman (1984) di John Carpenter (23:15, La7, durata 115')
Tamburi lontani (1951) di Raoul Walsh (23:40, Rai Movie, durata 101')
The Yards (2000) di James Gray (01:25, Canale 5, durata 115')
Il gatto a nove code (1971) di Dario Argento (02:15, Rai 1, durata 112')