Annunciato il programma di Cannes 2021 | News | Ondacinema

Ondacinema

Annunciato il programma di Cannes 2021

"Una fantastica eruzione di ritorno alla vita": così Pierre Lescure e Thierry Frémaux, rispettivamente presidente e direttore artistico, a proposito della prossima edizione del Festival di Cannes, da poco presentata in conferenza stampa. Una croisette blindata a causa delle restrizione pandemiche, ma con un programma ricco di conferme e qualche gradita sorpresa.

L'evento si terrà dal 6 al 17 luglio, con "Annette" di Leos Carax come film d'apertura. La giuria sarà presieduta da Spike Lee (primo afroamericano a ricoprire la carica), mentre la Palma d'Oro alla Carriera sarà assegnata a Jodie Foster. Nanni Moretti l'unico italiano in gara con "Tre piani", già selezionato per la scorsa edizione poi annullata. Tra gli altri autori in concorso Wes Anderson, Sean PennPaul Verhoven, François OzonAsghar Farhadi, e Apichatpong Weerasethakul. In cartellone nelle altre sezioni anche tre documentari di grande richiamo: quello di Todd Haynes sui Velvet Underground, quello di Oliver Stone sul suo "JFK" e l'esordio di Charlotte Gainsbourg dietro la macchina da presa con "Jane par Charlotte", dedicato alla madre Jane Birkin.

Di seguito il programma completo:

Concorso

Annette, di Leos Carax (Francia, Germania, Belgio, Giappone, Messico, Svizzera)

Benedetta, di Paul Verhoeven (Francia, Paesi Bassi, Belgio)

Bergman Island, di Mia Hansen-Løve (Francia, Germania, Belgio, Svezia, Messico)

Doraibu mai kā, di Ryūsuke Hamaguchi (Giappone)

A feleségem története, di Ildikó Enyedi (Ungheria, Germania, Francia, Italia)

Flag Day, di Sean Penn (Stati Uniti d'America)

La Fracture, di Catherine Corsini (Francia)

France, di Bruno Dumont (Francia, Germania, Belgio, Italia)

The French Dispatch of the Liberty, Kansas Evening Sun, di Wes Anderson (USA)

ha'Derech, di Nadav Lapid (Israele)

Haut et fort, di Nabil Ayouch (Francia)

Hytti nro 6, di Juho Kuosmanen (Finlandia, Estonia, Germania, Russia)

Les Intranquilles, di Joachim Lafosse (Belgio, Lussemburgo, Francia)

Lingui, di Mahamat-Saleh Haroun (Ciad)

Memoria, di Apichatpong Weerasethakul (Tailandia, Colombia, Regno Unito, Francia, Germania, Messico)

Nitram, di Justin Kurzel (Australia)

Les Olympiades, di Jacques Audiard (Francia)

Petrovy v grippe, di Kirill Serebrennikov (Russia, Francia)

Qahremān, di Asghar Farhadi (Iran)

Red Rocket, di Sean Baker (Stati Uniti d'America)

Titane, di Julia Ducournau (Francia, Belgio)

Tout s'est bien passé, di François Ozon (Francia)

Tre piani, di Nanni Moretti (Italia, Francia)

Verdens verste menneske, di Joachim Trier (Norvegia, Francia, Danimarca, Svezia)

Un Certain Regard

After Yang, di Kogonada (USA)

Blue Bayou, di Justin Chon (Stati Uniti d'America)

Bonne Mère, di Hafsia Herzi (Francia)

Bağlılık Hasan, di Semih Kaplanoğlu (Turchia)

La civil, di Teodora Ana Mihai (Romania, Belgio)

Delo, di Aleksej Alekseevič German (Russia, Canada, Germania)

Dýrið, di Valdimar Jóhansson (Islanda, Svezia, Polonia)

Freda, di Gessica Généus (Haiti, Francia, Benin)

Let It Be Morning, di Eran Kolirin (Israele, Francia)

Un monde, di Laura Wandel (Belgio)

Moneyboys, di C. B. Yi (Austria, Francia, Taiwan)

Noche de fuego, di Tatiana Huezo Sánchez (Messico, Germania, Brasile, Svizzera)

Razžimaja kulaki, di Kira Kovalenko (Russia)

Rehana Maryam Noor, di Abdullah Mohammad Saad (Bangladesh)

De uskyldige, di Eskil Vogt (Norvegia, Svezia, Danimarca)

Women Do Cry, di Mina Mileva e Vesela Kazakova (Bulgaria, Francia)

Fuori concorso

Aline, di Valérie Lemercier (Francia, Canada)

BAC Nord, di Cédric Jimenez (Francia)

Bisangseon-eon, di Han Jae-rim (Corea del Sud)

De son vivant, di Emmanuelle Bercot (Francia)

La ragazza di Stillwater (Stillwater), di Tom McCarthy (USA)

The Velvet Underground, di Todd Haynes (USA)

Cannes Première

Cette musique ne joue pour personne, di Samuel Benchetrit (Francia)

Cow, di Andrea Arnold – documentario (Regno Unito)

Dangsin eolgul ap-eseo, di Hong Sang-soo (Corea del Sud)

Evolution, di Kornél Mundruczó

Jane par Charlotte, di Charlotte Gainsbourg (Francia)

JFK: Through the Looking Glass, di Oliver Stone (USA)

Mothering Sunday, di Eva Husson (Regno Unito)

Serre-moi fort, di Mathieu Amalric (Francia)

Tromperie, di Arnaud Desplechin (Francia)

Val, di Ting Poo e Leo Scott – documentario (Stati Uniti d'America)

Proiezioni speciali

Babyn Yar. Context, di Serhij Volodymyrovyč Loznycja – documentario (Ucraina)

Black Notebooks, di Shlomi Elkabetz (Israele)

O marinheiro das montanhas, di Karim Aïnouz (Brasile)

The Year of the Everlasting Storm, di Jafar Panahi, Anthony Chen, Malik Vitthal, Laura Poitras, Dominga Sotomayor, David Lowery e Apichatpong Weerasethakul (USA)

Proiezioni di mezzanotte

Oranges sanguines, di Jean-Christophe Meurisse (Francia)

 

Massimiliano Speri