Biennale, alla scoperta di nuovi talenti | Speciale | Ondacinema

Biennale, alla scoperta di nuovi talenti

Biennale, alla scoperta di nuovi talenti

di Camilla Ravina

Presentato in occasione della 69esima Mostra, il progetto Biennale-College si rifà ad esperienze internazionali per scoprire giovani promesse del mondo del cinema

Venerdì 31 agosto l'apertura della Call Internazionale di adesione al Biennale College-Cinema è stata accompagnata dalla conferenza stampa ufficiale al Palazzo del casinò.

Il progetto, molto atteso dagli operatori del settore, prende vita con la nuova direzione Barbera e si allinea con gli altri Settori della Biennale - Danza e Teatro - interessando giovani produttori e cineasti alle prime esperienze.

Il laboratorio, spiega il presidente Baratta, prende ad esempio alcuni Festival leader per lo sviluppo e la scoperta di nuovi talenti e nuove tendenze, dalla Cinéfondation di Cannes  al Film Festival di Rotterdam e al Sundance di Robert Redford; l'intenzione è di affiancare i partecipanti ad un team internazionale di tutor che li seguiranno nelle fasi dello sviluppo, del fund raising, della definizione del budget e della produzione vera e propria.

Esplorare e cogliere gli aspetti più delicati dell'estetica dei film a micro-budget è fondamentale in un'epoca in cui anche il settore cinematografico risente fortemente della crisi ed è penalizzato da grossi tagli e sostanziali diminuzioni dei finanziamenti, pubblici e privati. Imparare a lavorare con budget di produzione ridotti è il solo modo per poter competere in un mercato, quello italiano, dominato dai "soliti noti" ed estremamente penalizzante per i talenti emergenti. Ma non solo, dare ai progetti una prospettiva di sviluppo e di mercato internazionale, dalla fase di ideazione, di sviluppo editoriale a quella distributiva attraverso nuove strategie di produzione e distribuzione crossmediale.

La Call è rivolta a team composti da resisti (alla prima o seconda opera) e produttori (che abbiano prodotto almeno 3 cortometraggi distribuiti ai festival); entro gennaio 2013 verranno selezionati 15 progetti per il primo workshop di 10 giorni, al quale seguirà un'ulteriore selezione che vedrà i 3 progetti vincitori premiati con un budget di € 150.000 ciascuno destinato alla realizzazione dell'opera che verrà poi presentata ufficialmente durante la 70. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia 2013.

Savina Neirotti, Head of Program di Biennale College-Cinema e già ideatrice e curatrice del successo del Torino Film Lab, si avvale della supervisione e della collaborazione di partner internazionali di prestigio quali l'Independent Filmmaker Project di New York, il Dubai International Film Festival e il Torino Film Lab stesso.

La sfida è rappresentata dal tempo di realizzazione dei progetti - cinque mesi per produzione, postproduzione, lo studio delle strategie di marketing e distribuzione online - e dalle limitate risorse a disposizione.

Ci si può chiedere perchè limitare il budget di realizzazione del film a 150.000 euro e non dare la possibilità al Produttore di reperire risorse proprie per dare al progetto una solidità produttiva maggiore? L'obiettivo è ambizioso, limitare il budget non per sottostimare la qualità dell'opera e degli artisti coinvolti ma per ottimizzare le risorse, incentivare la collaborazione ed esplorare i nuovi metodi integrati di produzione. Se la sfida verrà accolta con successo, verrà fatto un piccolo passo in avanti verso l'affermarsi di un nuovo modo di fare Cinema.

Biennale, alla scoperta di nuovi talenti