Emanuele Richetti

Emanuele Richetti

Collaboratori

emanuele.richetti97@gmail.com

Nato nella Sassuolo neroverde prima che le bandiere iniziassero a venire affisse sui balconi delle case, scopre il grande cinema, come tanti suoi coetanei, con l'opera di Quentin Tarantino, ma l'incontro decisivo è con "Le onde del destino" di Von Trier. Da lì in poi inizia a consultare spasmodicamente le guide tv alla ricerca dei grandi classici e dei capolavori a cui la storia ha riservato un posto in prima fila, maturando, contemporaneamente, una forte intolleranza verso la serialità televisiva. Ama il grande schermo e guarda sempre di traverso chiunque lo denigri in favore della comoda poltrona di casa propria. A un bel film, però, preferisce spesso un calcetto con gli amici o una partita di Champions. Ha poche certezze nella vita, la più grande è forse quella dell'inesistenza di Dio. Non si sente, e probabilmente mai si sentirà, pronto per formulare una lista esaustiva dei suoi film preferiti.