Stefano Santoli

Stefano Santoli

Collaboratori

stefanosantoli@hotmail.com

Sono nato a Roma sotto il segno del Leone nel 1978. Da bambino sono stato folgorato dalla visione di "2001: Odissea nello spazio“: la sua ripetuta fruizione pre-razionale ha lasciato un segno indelebile.

Oltre a far parte della squadra di OndaCinema collaboro con CineforumWeb e con la rivista cartacea Cineforum. Nel 2013 ho pubblicato Lo schermo e il taccuino. Curo il blog EyesWideShining.


Bergman, Kieslowski e Tarkovskij sono, insieme a Kubrick, i miei numi tutelari.

I miei registi preferiti dei nostri anni sono Lynch e Miyazaki, seguiti da Haneke e fratelli Dardenne. Amo profondamente l'Almodovar migliore e il Kim Ki-Duk degli anni 2000.

Fra i film elencati a sinistra, sento di aver regalato poco spazio ad alcuni grandi amori come Herzog; di Rohmer, che amo tanto, non ho saputo scegliere un titolo. Pier Paolo Pasolini, al di là del suo Vangelo, occupa un posto speciale che trascende il cinema.

Il presente su cui investirei per il futuro (update: settembre 2014): Xavier Dolan, Valérie Donzelli, Jessica Hausner, Aleksej Fedorchenko, Lisandro Alonso, Pablo Larraín, Bong Joon-Ho, Makoto Shinkai, Joshua Oppenheimer.

Le contaminazioni fra cinema di finzione e cinema del reale, sono, insieme agli infiniti mondi contenuti nell'universo nipponico, le mie più recenti terre di conquista. Di cui non intravedo i confini.

Recensioni (45)