CAST & CREDITS

cast:
Daniel Craig, Liev Schreiber, Jamie Bell, Alexa Davalos, Allan Corduner, Mark Feuerstein

regia:
Edward Zwick

distribuzione:
Medusa

durata:
137'

sceneggiatura:
Clayton Frohman, Edward Zwick

fotografia:
Eduardo Serra

scenografie:
Dan Weil

montaggio:
Steven Rosenblum

costumi:
Jenny Beavan

musiche:
James Newton Howard

Defiance - I giorni del coraggio | Recensione | Ondacinema

Defiance - I giorni del coraggio

di Edward Zwick

drammatico, guerra, Usa (2008)

di Alex Poltronieri

Voto: 5.0
"Noi ebrei non siamo bravi a bere. Non siamo bravi a combattere. Lo sai cosa siamo bravi a fare? A morire." In queste ciniche battute sta un po' il succo e la base del nuovo film di Edward Zwick, "Defiance"; un'opera che parte da un presupposto inedito e ammirevole, ovvero mostrare al pubblico non la sofferenza, ma il coraggio del popolo ebraico, concentrandosi su un evento reale e incredibile, ovvero la fuga nei boschi dei fratelli Bielski, capaci di salvare dallo sterminio nazista oltre mille ebrei. La vicenda, che ha tutti i presupposti per essere un film di sicuro impatto emotivo e sociale, nelle mani di Zwick è però banalizzata e si trasforma in un banale e spesso retorico war movie, senza dubbio ben realizzato (l'algida fotografia di Eduardo Serra, la misurata colonna sonora del bravo James Newton Howard) e ben interpretato (Daniel Craig passa volenterosamente dai panni dell'indistruttibile James Bond a quelli del coraggioso ma insicuro e fragile Tuvia, e Liev Schreiber, che interpreta Zus, un altro dei fratelli Bielski, è ottimo), ma allo stesso tempo freddo e poco emozionante.
 
Zwick è a suo agio soprattutto nelle serrate sequenze di battaglia (per esempio, è ottima quella dell'incursione di Zus per distruggere il ricevitore dei nazisti), ma altrove ricerca vanamente un anacronistico classicismo, che però stride e suona fasullo. La sceneggiatura si defila quando si tratta di affrontare gli argomenti più complessi e interessanti (i dilemmi morali di Tuvia: è giusto ripagare la violenza con altra violenza?), è illogica e affrettata in alcuni passaggi chiave (con quale facilità i Bielski riescono a far fuggire gli ebrei dal ghetto? Dove trovano il cibo durante il gelido inverno?), banalotta nel concentrarsi sui legami tra i protagonisti (la storia d'amore tra Craig e la giovane ebrea è sintetizzata in poche, ridicole, battute.).
 
Ne esce un film dagli intenti onorevoli (lo stesso si poteva dire dei due precedenti lavori del regista, gli egualmente non riusciti "Blood Diamond" e "L'ultimo Samurai"), ma dagli esiti ambigui e incerti. Non è chiara quale sia la posizione dei fratelli Bielski: prima uccidono gli assassini dei genitori, accecati dalla vendetta, poi rapinano e massacrano i contadini di un villaggio, in seguito, cambiano idea e decidono di sopravvivere nella foresta con le proprie forze. Apologia dell'autodifesa molto americana? E se Zwick e lo sceneggiatore Clayton Frohman cercano, se non altro, di non fare dei Bielski un gruppo di santini, nell'ultima parte si impegnano ad onorare tutti gli stereotipi del caso: il vecchio insegnante, moribondo, che sussurra a Tuvia che "è stato Dio a mandarlo", il caparbio e sbruffone Zus che come Han Solo sbuca fuori all'ultimo minuto per dare man forte agli ebrei in fuga, e via dicendo.

Insomma, uno spettacolone vecchia maniera, non sgradevole da vedere, ma che, partendo da un presupposto inedito e vincente, finisce per essere assolutamente tradizionale e confortante. E quindi innocuo.